MAGENTA NOSTRA - Giugno 2019

1 MAGENTA NOSTRA ANNO XXVIII - N. 5 - GIUGNO 2019 Direz. Redazione: 20013 Magenta - via 4 Giugno 80 tel./fax 02 97291515 INTERNET: www.prolocomagenta.org E-MAIL: info@prolocomagenta.org Direttore responsabile: Oliviero Trezzi Aut. Trib. Milano n. 602 del 9-11-’92 Stampa: dodicimila copie - mensile Punti di distribuzione: L’Edicola del cortile di Carlo Oldani, via S. Caterina 31/33 - Circolo Daniele, Pontevecchio - Panificio Franchino, via Novara, 33 - Mazzucchelli, via Men- tana, 11 - Edicola di via Melzi - Il Segnalibro, via Roma, 87 - La Memoria del Mondo, Galleria dei Portici - Foto Cattaneo, via del Carso, 33 - Cartoleria Arte Mia, via Dante, 29 - Biblioteca Comunale, via Fornaroli - Giornalaio Boschetti (IPER) - Ist. Madri Canossiane - Caffè dei Portici, via Mazzini - Bar The Rose, via Pusterla - Casa di riposo don Cuni - Cicli Chiodini, via Melzi - Bersaglieri, via Matteotti - Alpini, via Milano - Circolo Banda Civica, via Melzi - CinemateatroNuovo - Teatro Lirico - Cartoleria Posteria, via Garibaldi, 12 - Caffè Maino, Piazza Liberazione - Edicola del Borgo, via De Medici, 4 Pontenuovo. Foto Arianna Drago Modella Lara Sirtori Gr. Stor. “Najadi“ Un 4 giugno scoppiettante e pieno di novità, con tutte queste ricorrenze che capitano “in nu- mero tondo”. Centosessant’anni dalla Battaglia di Magenta, venticinquesima rievocazione storica, venticin- quesimo annullo postale filatelico speciale de- dicato alla battaglia; ventesima edizione delle stampe e cartoline rievocative… E decimo anniversario della sottoscrizione del Patto di Gemellaggio con la Ville de Magen- ta (31 maggio 2009). Non potevamo lasciare che tutto si svolgesse “al solito”. Sebbene già questo “solito” è ben altra cosa di quello che avveniva (e quelli che hanno molte primavere come me se lo ricorderanno) prima che questo appuntamento cittadino tornasse ad essere un importante momento identitario, vissuto sulla lunghezza d’onda del rafforzamento dei legami -indistintamente- con quanti allora furono ami- ci o nemici e che ora festeggiano -insieme ed in pace- la comune appartenenza all’Europa. Per questo, nel centocinquantesimo, lanciam- mo addirittura la ‘parola d’ordine “Magenta co- struisce l’Europa”. Dunque festa grande! All’interno del giornale troverete dettagliata- 160° DEL 4 GIUGNO 1859 mente tutte le indicazioni sul cosa, dove, come e quando. Inutile che ripeta qui l’elenco (lun- go) degli appuntamenti; da questa pagina la- sciatemi sottolineare solo e sommariamente le suggestioni principali. Illustrerò innanzitutto il bellissimo trailer che è stato preparato. Se non l’avete ancora visionato fatelo: collegatevi col sito internet della Pro Loco Magenta (https:// www.prolocomagenta.org) scaricatevelo e godetevelo come l’abbiamo apprezzato tutti noi (che ci siamo divertiti ‘un sacco’ anche a partecipare alla sua realizzazione da parte di at- tori e tecnici, veri artisti professionisti). Godete- velo e diffondetelo quanto più vi sarà possibile! Sabato 8, sera, quinta edizione della cena “Suo- ni e sapori di storia” presso i giardini di Casa Giacobbe. Allietati, stavolta, dai ragazzi del ”no- stro” Liceo musicale. Già, perché lo stile con cui abbiamo sempre vo- luto realizzare le manifestazioni (non solo del quattro giugno, ma quelle del quattro giugno in particolare) è improntato alla ricerca delle più ampie sinergie. E’ bello mettere in fila una dozzina fra loghi e stemmi…, ma è s oprattutto un bene perché testifica come questo sia una occasione di collaborazione di tanti gruppi e associazioni che convergono all’unisono nella mobilitazione. Perché sia, come più sopra ri- cordato, un momento identitario e come tale sentito come proprio “distintivo” (…a proposi- to, abbiamo predisposto anche i distintivi del 160°, ovviamente) da tutti i magentini. Dunque non mancate. Alla cena, al corteo, alla rievoca- zione storica….stavolta ancor più partecipata e scenografica: si farà nel PARCO UNITA’ D’ITALIA (…e come non rievocare la battaglia che -di fatto- rese possibile l’unificazione d’Italia se non nel luogo ad essa dedicato) , forse però più conosciuto come parco della Villa Naj Oleari. Vi aspettiamo dal mattino della domenica 9 al nostro ‘banchetto’. Quest’anno oltre alle ’solite’ stampe e cartoline vi proporremo tanto altro e soprattutto una pubblicazione specialissima che certamente vi stupirà e che, come dir si suole, “non può mancare in ogni casa di vero buon magentino” che ha come vanto anche quello d’essere cittadino di quella Magenta che centosessanta anni fa fu teatro della bat- taglia che aprì la strada dell’Unità. Buon quattro giugno Oliviero Trezzi

RkJQdWJsaXNoZXIy OTE3NQ==